News
LIBRI NOVITà: LA MUSICA AL ROVESCIO di MAURO MELI
Lunedì 05 Settembre 2016 09:54

 

                                    meli_libro

 

I libri che riguardano il mondo della musica seria e dell'Opera sono generalmente agiografìe di questo o quell'interprete, enciclopedìe, raccolte, saggi particolari destinati a un pubblico molto ristretto e selezionato. A parlare sono spesso gli interpreti: “ho fatto questo, ho fatto quest'altro...” ; oppure i musicologi, i critici, i giornalisti, tutti ammantati delle classiche vesti di saggisti, opinionisti, professori. E' raro che l'Autore d'un volume dedicato alla Musica sia un organizzatore musicale e teatrale, un “addetto ai lavori”. Ricordo un libro , molto aggressivo e a tratti infame, scritto dall'ex agente di Pavarotti, in cui il grande tenore veniva di fatto demolito e svillaneggiato da chi, tra l'altro, aveva ampiamente guadagnato nascosto dietro la sua ombra. Pubblicazioni di questo genere diventano spesso il pretesto per scatenarsi in vendette personali, per sfogare rancori.

Il libro di cui ora vi narro, uscito da pochissimo , “Musica al rovescio”, edito da Ponte alle Grazie, è al contrario un delicato e a tratti commosso resoconto stilato da Mauro Meli, uno dei più noti direttori artistici italiani, legato al Teatro Lirico di Cagliari da lunga e felice consuetudine ma attivo da anni su più fronti: da Ferrara al Regio di Parma, alla Scala di Milano (anche come Sovrintendente) , docente di Economia delle aziende culturali presso l'Università di Ferrara.

Meli è uno dei protagonisti di primissimo piano del periodo che precede la grande crisi dei teatri italiani, quando la realizzazione di uno spettacolo contemplava l'utilizzo di un consistente budget finanziario per scene, costumi, solisti di rango, grandi direttori d'orchestra. Negli anni delle cosiddette “vacche grasse” , quando i teatri non badavano a spese, i debiti si accumularono in maniera esponenziale , Meli fu al centro di pesanti polemiche e accusato di essere uno dei principali artefici dei disastri amministrativi presso i teatri in cui era in forza. Io stesso non lesinai critiche ma ebbi modo di avvicinare Meli e di scoprire una persona molto aperta e disponibile a discutere, su ogni argomento, anche il più spinoso e per nulla interessato a sottrarsi di fronte a domande che potessero metterlo in difficoltà.Mi piace, in questa occasione, riprendere una intervista che effettuai con il maestro Meli tre anni fa, contenente un paio di passaggi inerenti l'argomento :

 

“-Tra gli epiteti più ricorrenti quello di “Mister Deficit”. Vogliamo chiarire bene la

questione del pesante bilancio in rosso che ha caratterizzato la Sua gestione cagliaritana?

Facciamo un po' di chiarezza su queste cifre, perchè davvero sono volati numeri in

maniera molto disinvolta . Intanto quando io sono arrivato a Cagliari vi erano 10 milioni di

Euro di budget, quando sono andato via dopo nove anni il budget era arrivato a 35 milioni

di Euro. Non solo: da 2000 abbonati si passò a 12000 abbonati , cioé 3 volte gli abbonati

della Scala! Lei capisce che per una città con 160.000 abitanti avere qualcosa come

250.000 biglietti venduti!? Non è cosa da poco. Il successo era addirittura clamoroso.”


 -Ma il deficit?- 

Parliamo di queste famose perdite. In realtà sono stati 4 milioni di Euro, a fine mandato

e, ci tengo a dirlo, non per motivi gestionali. La causa principale fu dovuta ai ritardi dei

contributi da parte dei soci e degli sponsors: per prima la Regione, che dava qualcosa

come quasi 12 milioni di Euro ma con un anno e mezzo di ritardo, producendo la

necessità di richiedere prestiti alle banche con interessi passivi spaventosi. La stessa

identica cosa è accaduta a Parma e consideri che il Teatro di Cagliari è messo molto

meglio rispetto al Regio, con una struttura organizzativa solida e molto ben funzionante.

Ma cosa si può fare se i progetti non possono decollare?


                                            meli_con_libro

Sfogliando il libro scritto da Mauro Meli non troveremo nessuno spunto polemico, nessuna révanche, piuttosto un lucido e grato ricordo legato a tanti personaggi illustri incontrati lungo questo importante percorso.

Claudio Abbado è ovviamente il primo, in testa alla lista: strettissimo fu il loro rapporto di collaborazione, tante le occasioni musicali memorabili, tanti gli episodi condivisi, stima e amicizia fino all'ultimo giorno di vita del grande Maestro. Sui nomi Meli è abbastanza reticente, quando si tratta di rivelare tragiche gaffes: non sapremo mai chi sia quell'importante uomo politico interessato alla “fiSarmonica di Berlino” , al punto da immaginarne un trasporto speciale per l'ingombrante quanto inusitato “strumento”. Né sapremo per opera di chi vennero determinate le dimissioni da Sovrintendente del Teatro alla Scala dopo quasi un biennio di impegno presso la più importante Fondazione lirica italiana. Nel libro scopriamo alcuni aspetti inediti di molti grandi miti: un Andrea Bocelli che non ne vuole sapere di entrare in scena in Bohème a Cagliari, quasi spinto a forza , tanto era intimidito e impaurito dall'impegno che lo attendeva; un Domingo che pur di partecipare alla festa del “Viaggio a Reims” con Abbado accetta di partecipare come comparsa, nei panni di Re Carlo X, ma senza dire niente a nessuno; il potentissimo Valentin Procinsky, agente di alcuni tra i più grandi nomi del firmamento internazionale, che per convincere Lorin Maazel a non abbandonare una produzione poco gradita, intreccia uno stralunato e surreale balletto, librandosi sul palco come una goffa farfalla.

Le pagine scorrono, una dietro l'altra come un album fotografico e quando si materializza l'immagine di Carlos Kleiber, cioé di uno dei massimi direttori d'orchestra mai esistiti, si avverte la lecita fierezza di Mauro Meli: è stato lui a portare Kleiber in Italia per l'ultima volta, a Cagliari , nel 1999, per due eccezionali concerti.

Una vita operosa e un'attività incessante, con l'obiettivo fisso di appagare pubblico e critica convenuti ai vari eventi: Cagliari diventa uno dei teatri più in vista d'Italia, Parma addirittura rivaleggia con la Scala. Tutto ciò ha un prezzo: Mauro Meli , abituato a fare tutto da solo o con l'aiuto di pochi, fidatissimi amici, si trova a dover fronteggiare attacchi anche molto aspri da parte dell'allora Sindaco di Parma, Pizzarotti, , sempre basati sui suoi presunti , altissimi compensi. Riprendo questo punto essenziale dell'intervista succitata:

 

Come spiega la dura polemica attuale con il Sindaco Pizzarotti e la questione dell'orchestra del Regio, licenziata così...di punto in bianco?-


 L'orchestra è stata licenziata 3 anni prima della scadenza del suo mandato.  

Rimpiazzata da un'orchestra, la Toscanini, che era nata per essere un'orchestra

regionale....mah....mi chiedo perchè? Sembra un dispetto....Poi anche questa polemica

con il Sindaco non la capisco: Lui continua dire che io ero costosissimo e che la nuova

gestione è meno onerosa....Ma se io prendevo 200.000Euro lordi l'anno e gli attuali

costano 280.000Euro ???! Dov'è il risparmio? Inoltre io facevo tutto da solo, mentre a

Parma ora sono in due quindi: doppi viaggi, doppie macchine, doppi alberghi, doppi

pasti....mah.... A me non piace criticare i colleghi ma ci sono cose che gridano vendetta:

la questione dell'orchestra licenziata, per esempio. Ma anche il Festival Verdi, che per

Parma dovrebbe essere un fiore all'occhiello, un fatto attrattivo. Ora sono tornati a un

finto Festival, con due titoli, uno a settembre e uno a ottobre. Io credo che ogni format

festivaliero debba avere una formula che assicuri al pubblico una continuità, una serie di

eventi a ciclo quasi continuo. Insomma, diciamolo chiaramente: chi compra un pacchetto

attraverso i tour operators in America, in Giappone , in Finlandia per venire a Parma,

quindi chi affronta un viaggio che finirà con il costargli 2\3000 Euro vuole vedere almeno

4 o 5 cose!! Mi pare logico. Il mio Festival Verdi produceva 12 milioni di Euro di indotto a

fronte di 3 milioni di costi. Queste sono le cifre ufficiali, tutte verificabili.”



Credo sia davvero azzeccato il titolo “La Musica al rovescio” , per il primo libro di Mauro Meli. In Italia quasi tutte le questioni hanno un lato A e un lato B, che è l'esatto opposto. Vero è che se si vuole far cultura e proporre grandi eventi musicali, mantenendo alto il livello, bisogna spendere e con le nostre leggi, con la quasi inesistente defiscalizzazione dei contributi alla cultura della Legge Bray, senza gli emolumenti dello Stato....il cosiddetto “alto livello” ce lo possiamo dimenticare. In questo Meli è categorico: senza l'intervento dei vari governi per la cultura non si va da nessuna parte. Gli uffici marketing dei teatri non garantiscono sufficienti sponsorizzazioni , le grandi stagioni si fanno con i dovuti budget e non con i fichi secchi, nonostante le tante iniziative che possono essere prese.

Sono considerazioni un po' tristi, certo: dal 2011 è tutto un pianto, ci sono teatri e fondazioni liriche che versano in condizioni drammatiche, né si vedono segnali politici in favore di maggiori incentivi, anzi...il contrario. Per molti la Musica, l'Opera , è un passatempo per ricchi annoiati; i musicisti sono visti come buontemponi, perditempo, pazzoidi, un articolo recente descrive professori d'orchestra e artisti del Coro come una casta privilegiata, per lo più lamentosa.

Ecco, io consiglierei questo libro ai beati ignoranti, magari a qualcuno di quei politici che pensano a una fisarmonica quando sentono parlare di Filarmonica. Forse scorrendo alcuni di questi nomi e partecipando idealmente alle scorribande in giro per il mondo di Mauro Meli e dei suoi grandi amici....forse, sarò ottimista...si renderanno conto del formidabile indotto che può creare la nostra cultura, se debitamente sostenuta.

 

                                         

 
Verona e l'Arena, la Bellezza salverà l'Opera
Domenica 28 Agosto 2016 16:21
              
                     arena_verona
                       arena2
                     arena1
                          arena3
Nonostante i presagi funesti di questa primavera, l'Arena di Verona con uno scatto d'orgoglio manda in porto la sua stagione 2016 nel migliore dei modi, cioé dimostrando di essere il più importante e “spettacolare” teatro all'aperto del mondo. La nostra stampa specialistico- snobistica storce il naso di fronte a simili affermazioni: son quelli che si commuovono al solo pensiero di poter poggiare i loro nobili deretani sugli scranni di Bayreuth o Salisburgo. Buon per loro: forse non si accorgono che in quei teatri si celebra, con rito lento e inesorabile, il massacro sistematico dell'opera lirica, per grazia di Dio non sempre (ci sono certamente produzioni interessanti, ne cito una per tutte i Maestri cantori di Wagner con la regìa di Herman Hernheim a Salisburgo, o il Ring wagneriano diretto da Thielemann...) ma spesso e volentieri sulla scìa della provocazione fine a sé stessa, come se allestire in modo spettacolare e tradizionale un capolavoro lirico sia una specie di insulto. Capisco anche questo atteggiamento da parte della nostra moribonda critica musicale, ormai travolta e sopraffatta dalle decine di blog e di riviste virtuali comparse in ogni dove: i recensori si annoiano, hanno visto centinaia di rappresentazioni sballottati qua e là come birilli, non tollerano le reazioni del pubblico che vedono come “estranea cosa” rispetto ai loro sacri giudizi, non sanno nemmeno più perchè stanno lì e vanno, come direbbero gli psicoanalisti, in crisi di identità.


                                                      turandor_zeff3
Tornando a Verona mi sono goduto in santa pace la magnificenza degli allestimenti di Franco Zeffirelli, creati appositamente per quella vasta frangia di pubblico che va a teatro per vedere uno SPETTACOLO. L'Opera intesa secondo il canone il Lord Burney, “lo spettacolo più lussuoso al mondo”...non lo è forse? O vogliamo davvero credere che questo genere, tanto amato e tanto negletto, possa sopravvivere se fatto con le pezze, magari con l'orchestra campionata...tanto per risparmiare? Zeffirelli è stato il bersaglio prediletto di chi per svariate ragioni vedeva in lui il rappresentante dello “spreco” , dei soldi buttati al vento per obbedire a capricci, dell'eccesso fine a sé stesso, compresi i suoi avversari politici che non gli hanno mai dato tregua. Non voglio qui elencare i costi e gli sprechi che hanno caratterizzato gli ultimi trenta quarant'anni di opera lirica in Italia: paragonando gli allestimenti di Zeffirelli a certe porcherìe viste qua e là, spesso sponsorizzate politicamente da questa o quella fazione, avremmo delle clamorose sorprese. Per carità di patria mi astengo a far conteggi in questa sede e preferisco riferire di ciò che ho visto e udito in questa settimana veronese che ha siglato la stagione 2016. Intanto Carmen di Bizet, Turandot di Puccini e Trovatore di Verdi, cioé i tre spettacoli migliori di Zeffirelli in Arena. Del Trovatore ho riferito nel mio precedente pezzo, una serata magica grazie anche al magnifico cast vocale (Karahan-Manrico strepitoso , la Urmana vittoriosa Azucena, il nobilissimo baritono Piazzola capace di riportarci ai tempi del miglior Bruson, Oren sul podio). Di Turandot dirò che non si dimentica la magìa della pagoda dorata invasa da nuvole rosa e la perfezione dei movimenti scenici secondo i dettami della partitura, con una festa finale a coronamento dell'ultimo capolavoro di Puccini: pura Bellezza. E qui voglio fare una veloce considerazione sulla Bellezza, in questi anni in cui ci sentiamo aggrediti dalla Bruttezza, in tutti i sensi. La Bellezza, in quanto tale, è OGGETTIVA, come diceva Wilde “La Bellezza non può essere interrogata...regna per diritto divino.” Il gusto per l'abbinamento dei colori, per il disegno delle scene, per come e dove devono muoversi le masse, per come la musica rientra nel disegno magico complessivo, i costumi, l'attrezzeria, le LUCI...questo è Zeffirelli, cantore della Bellezza in Opera. Chi vuole Bruttezza si accomodi pure altrove. Kitsch, esagerato, pleonastico, gusto “pompier” ….ne abbiamo sentite e lette da anni...basta! Avete annoiato, cambiate disco. Ve lo dice uno che ha applaudito entusiasticamente l'Aida rivoluzionaria della Fura dels Baus in Arena , perchè nasceva dallo stesso impegno intellettuale volto allo stesso scopo; e ve lo dice uno che ha proposto, come regista, nello scenario affascinante (ma inadatto all'Opera) di Taormina un'Aida ambientata nel Museo Egizio, con tanto di scolaresche e turisti in scena, perchè Aida è anche questo, perchè l'Opera è comunque s-p-e-t-t-a-c-o-l-o. Nella Turandot in Arena hanno trionfato il direttore d'orchestra, Andrea Battistoni, giovanissimo e permeato da quel 'duende' che trascina ed entusiasma Coro e Orchestra. Non tutto era perfetto, detto col massimo dell’onestà: il gesto tende ad ampliarsi oltre misura con il risultato di portare l'entusiasmo eccessivo a una perdita di controllo. Tuttavia bisogna saper rischiare se si vuole ottenere il massimo da tutti: quanto fuoco, quanta passione, quanta GIOIA in quel ragazzo che mentre dirige sembra comporre la Turandot! Un meritatissimo trionfo per lui. Ottima la coppia femminile con due fuoriclasse: la stupenda Oksana Dyka come Turandot, voce di soprano lirico e non propriamente drammatico ma....meglio così! Abbiamo sentito strillare tanti vocioni, la parte di Turandot è tutto un susseguirsi di note da cantare piano e pianissimo, non sono solo acuti a gola spiegata. La Turandot della Dyka era dunque cantata dalla prima nota all'ultima e , per fortuna, bella d'aspetto e di portamento. Cosa che non capita di frequente, ammettiamolo. Donata D'Annunzio Lombardi, in possesso dei più bei pianissimi oggi al mondo, e lo dico senza tema di smentita: meravigliosa interprete, sensibile, timbro ideale, tecnica strepitosa. So che si è salvata per puro miracolo dal disastro di Amatrice e che ha cantato senza aver dormito per due giorni, dopo il sisma . Calaf era Walter Fraccaro che ci riporta al classico “tenore utilité” , cioé quegli artisti che dove li metti li metti...fanno dormire tranquilli i direttori artistici: cantano tutte le note (anche i perigliosi do acuti), sono precisi musicalmente, intonati...cosa vuoi di più. Beh....per Calaf qualcosa in più ci vorrebbe: Fraccaro ha un timbro di natura chiaro e troppi suoni 'schiacciati' per tenere alta la posizione senza far fatica, con lo spiacevole risultato di camuffare alcune pronunce sugli acuti (“ che non sorride più, che nEEEEEn sorride più”.....ec.) . Probabilmente è nato come ideale Alfredo in Traviata o Nemorino in Elisir, e si ritrova per la facilità e la musicalità a cantare ovunque Radames, Calaf, Manrico, Don Alvaro e chi più ne ha più ne metta. Molto applaudito, ripeto, per la sicurezza spavalda e la tranquillità che esprime. Porrei in rilievo la prova delle ottime Maschere (Marcello Rosiello, Francesco Pittari e Giorgio Trucco) , il perfetto Paolo Battaglia come Mandarino , Cristiano Olivieri come baldanzoso Altoum e Carlo Cigni, solido Timur.

                                        verona_arena_gremita
Veniamo a Carmen, altro capolavoro zeffirelliano, orbato però di tutta la città di Siviglia che era stata ricreata sulle gradinate del fondo scena. Dove siano finite, nessun lo sa: ho provato a chiedere....varie versioni...peccato...perchè completavano la più bella Carmen che si sia mai vista in un teatro d'Opera, al chiuso o all'aperto. Anche qui le masse , imponenti, si muovono seguendo un percorso di dettagli infinito, impossibile enumerarli tutti perchè ogni comparsa, ogni corista diventa un solista, impegnato in una parte precisa. Plauso ovviamente alle masse areniane, al Corpo di ballo diretto da Gaetano Petrosino, alle deliziose Voci bianche di Paolo Fancicani e al maestro Julian Kovatchev, come si suol dire: una sicurezza. Le coreografie di Lucia Real sono sempre un “must” apprezzatissimo dal pubblico che quello si aspetta e quello...ha. In Carmen mi è piaciuta moltissimo la Micaela di Valeria Sepe, la voce più sonora e proiettata della serata assieme a quella del tenore Stefano Secco, il quale non nasconde le sue orgini di tenore “leggero” e non cerca sonorità strane o diverse: canta con la sua voce e fa bene a farlo. La coppia Don José-Micaela era ampiamente vincente sul resto del cast, nonostante Aguna Kulaeva avesse tutti i numeri per essere in potenza una grande Carmen: purtroppo le è mancato un po' il temperamenti giusto, la carica emozionale, quel “quid” che rendeva indimenticabile, per esempio, Denyce Graves o la Bumbry, persino nelle sue ultime recite areniane. Tra gli altri ho apprezzato molto Paolo Battaglia come Zuniga, il Morales di Gianfranco Montresor , in parte l'Escamillo di Alexander Vinogradov, dalla pronuncia un po' troppo “russa”. Clarissa Leonardi era di gran lunga più veemente e poderosa come Mercedes rispetto alla timida Teona Dvali come Frasquita, mentre funzionava benissimo la coppia Ceriani-Pittari per Dancairo e Remendado.

                                       aida_verona__2011__2
Più debole l'Aida di Verdi,non per colpa dell'allestimento che è grandioso e solenne quanto basta per assicurarne la buona riuscita , bensì per la parte vocale che in quest'opera non perdona alcuna défaillance. Stranamente abbiamo visto un Daniel Oren stanco e quasi demotivato sul podio, tanto da causare alcuni notevoli pasticci nel concertato e nel finale del Trionfo, laddove tocca essere concentratissimi e precisi. Notevoli tuttavia i momenti più lirici, l'accompagnamento delle arie e dei duetti, soprattutto il meraviglioso finale. Il tenore, l'esordiente Mikhail Sheshaberidze, mi è sembrato molto rigido e con acuti non ben proiettati, in gergo diciamo “indietro” , il che non deve succedere in un giovane dai mezzi e dal timbro promettenti e dalla ottima musicalità. Il suo, a onor del vero, è stato un salvataggio last minute, quindi vi è qualche parziale discolpa. Tuttavia il consiglio di mettere a posto la parte acuta del registro e di non forzare i tempi su taluni titoli resta, anche in queste situazioni. Molto bene Maria José Siri nel ruolo di Aida: sicura, svettante, tantissimi i colori, ottimi pianissimi, un bel personaggio dinamico in scena , sempre cercando di aiutare il partner. Qualche bella frase di Andrea Ulbrich come Amneris ,ma troppe difficoltà sui punti chiave e un piccolo naufragio nella Scena del Giudizio, con un affanno che le ha impedito di sovrastare le difficoltà terribili della parte. A fronte di uno stupendo Messaggero, con voce superiore a quella di Radames, Paolo Antognetti (bella forza, mi direte, son due frasi: sì, ma bisogna saperle cantare...e Antognetti è un tenore pronto per le prime parti), un Amonasro invece di non eccelsa qualità, Sebastian Catana , che tuttavia ha svolto il proprio compito con diligenza. Nella gara dei due bassi, Gianluca Breda come Re si è pappato il Ramfis di Sergej Artamonov. Molto brava Elena Borin come Sacerdotessa e il Corpo di Ballo per le Danze del II atto.
Ogni sera parecchio pubblico, eccettuato qualche buco nei costosi posti di platea, ma uno scenario degno dell’Arena per tutte le opere, con pienone per Turandot e Trovatore.
 
MANRICO E L'ACUTO CHE DISTURBA
Venerdì 26 Agosto 2016 23:15

                                           trovatore_zeff

 

 

“Per i tedeschi un acuto equivale a una offesa  sessuale”...questa singolare affermazione

di Konstantin Schenk, direttore d'orchestra figlio del più famoso regista austriaco, Otto

Schenk, mi è risuonata alla mente stasera dopo il terzo atto del Trovatore di Verdi

all'Arena di Verona. Una incandescente, entusiasmante Pira eseguita da un tenore turco

esordiente, Murat Karahan, voce di grana spessa e squillo spettacolare, con un do

fantastico che ha coronato l'intera scena. La platea dell'Arena, gremita, composta da

migliaia di tedeschi fedeli alla tradizione lirica estiva, che li vede prima rosolati al sole

sulle sponde del lago di Garda poi schierati compatti nel grande anfiteatro,

ebbene....questa platea era immobile, silente, non un applauso, statue di cera, mentre si

udivano le urla di “Bravo!” del popolo italiano, composto soprattutto dai Club lirici. Li

guardavo questi austeri signori e signore: non capivano quell’entusiasmo, quella strana

euforìa che ha trasformato l’Arena in uno stadio. Ho capito stasera, più di altre volte,

quanto sia vera quella frase di Schenk: ai tedeschi dà proprio fastidio quel lungo acuto di

tradizione, l'exploit vocale fine a sé stesso, all'italiana, con quell'idea di sano, vecchio

teatro di tradizione che ci riporta alla prima memorabile scena di “Senso” di Visconti:

l'acuto di Manrico che scatena i “Viva l'Italia!”. Lo spettacolo di Zeffirelli è meraviglioso in

ogni suo dettaglio, come già in Turandot e in Carmen: quando durante la monacazione di

Leonora si spalanca la torre ,mostrando una accecante cattedrale dorata,

beh....l'applauso scatta spontaneo per la Bellezza che , ripeto, E' OGGETTIVA,

esattamente come la bruttezza quando si manifesta. I costumi, le coreografie di Lucia

Real, le battaglie organizzate dal Maestro d'armi Musumeci Greco (perfette) , la sfilata

interminabile delle bandiere e dei cavalli: Zeffirelli paga il biglietto a tutti e dimostra che il

Trovatore della più alta tradizione è questo, insuperabile. Per i Trovatori “moderni” largo ai

frigoriferi, appuntamento ad Amburgo. La serata veronese è stata di quelle che si

ricordano: la scoperta di questo bravissimo tenore, che ha cantato uno dei più bei “Ah sì

ben mio” da me ascoltati (con i colori e le dinamiche previste da Verdi, i pianissimi, le

smorzature, i trilli) e splendido in tutta l'opera, con una tenuta invidiabile, una potenza in

acuto (finalmente la Pira in tono!) e solo una dizione italiana che andrebbe perfezionata

un pò in qualche passaggio; la conferma di Simone Piazzola come di uno dei migliori

baritoni odierni, nobile ed elegantissimo nell'aria “Il balen” , cantata con una padronanza

e una sicurezza davvero eccezionali, un po' meno autorevole nel duetto del IV atto, forse

per aver dato moltissimo nel secondo , ma comunque salutato da applausi trionfali alla

fine; la spettacolare forma di Violeta Urmana, tornata alla “sua “ Azucena dopo il lungo

periodo da soprano e magnifica nel fraseggio, negli accenti, nella sicurezza di tutta la

lunga gamma vocale, fino a un incredibile si bemolle conclusivo. Note dolenti , invece,

per il soprano Hui He, voce di colore prezioso e di bel spessore, che però ho sentito

molto appesantita sugli acuti, tanto da incorrere in una spiacevole stecca nella prima aria

e in una serie davvero non proponibile di note calanti per il resto della recita, fino al

naufragio nella cabaletta “Tu vedrai che amore in terra” . Dispiace di averla ascoltata così

stanca e fuori forma. Tra le seconde parti di spicco le voci squillanti di Elena Borin come

Ines, di Antonello Ceron come poderoso Ruiz e di Cristiano Olivieri , mentre non così a

fuoco mi è parso il basso Sergej Artamonov come Ferrando. La direzione di Oren, a parte

un bruttissimo taglio nel finale del II atto, ha assicurato la consueta solidità all'assieme e

momenti di autentica poesia nelle arie elegìache, tra cui un meraviglioso “Ah sì ben mio”,

accompagnato alla grande come in un ideale duetto tra la voce e l'orchestra. Molto bene

il Coro e la compagine orchestrale, che ha raggiunto livelli di assoluta eccellenza con una

tenuta straordinaria di sera in sera, senza dimenticare le difficili questioni che hanno

attanagliato tutta la fase preparatoria delle opere e che rischiavano di inficiare tutta la

stagione. Il solo fatto di essere andati in scena con questi risultati dimostra la grande

maturità e la serietà delle maestranze veronesi, giustamente legate al loro grande Teatro.

 

                 IlTrovatore_040816_FotoEnnevi_0343_20160804

 


 
CIAO DANIELA, NON FINISCE QUI...
Sabato 20 Agosto 2016 22:57
                                                         butterfly_dess_sola
....uno schianto, come essere travolti da un treno...sono qui davanti a questo schermo
arido, gelido come non mai a cercare le parole, in mezzo a un turbine in cui dolori e
pensieri, ricordi si mescolano come impazziti. La morte di Daniela Dessì è qualcosa che
va oltre ogni possibile descrizione perchè è la repentina, assurda, ingiusta scomparsa di
una Grande Artista con la quale ho condiviso una marea di situazioni e dalla quale ho
appreso tantissimo. Mai come adesso (e dire che ne ho viste già tante di queste
circostanze) avverto la profonda impotenza che caratterizza tutti noi che restiamo in
questo teatrino definito “vita” : noi che perdiamo tempo in cazzate, a leggere soprattutto
le cazzate altrui a cominciare dai burkini a finire con tutto ciò di cui a me e a noi non frega
assolutamente nulla, perchè è bene ripeterlo , A NOI DEVE FREGARE SOLO CIO’ CHE
CI INTERESSA DA VICINO, ciò che fa vivere in noi speranze, emozioni, sensazioni
BELLE, esperienze BELLE. Daniela si era votata a questo e questo ha fatto in tutta la
Sua breve vita: ha offerto ARTE ai più alti livelli, ha distribuito emozione, ha fatto
commuovere migliaia di persone con la sua Butterfly,la sua Tosca, la sua Mimì, la sua
Desdemona, e chi più ne ha più ne metta perchè non mi va nemmeno di enumerare
un’arida scaletta che chiunque può trovare in qualunque motore di ricerca. Il mio
personale motore di ricerca mi riporta a un viaggio in macchina, verso l’Hotel Excelsior a
Roma dove Luigi Comencini la attendeva per un provino ( film La Bohème, con
J.Carreras). Era in compagnìa di sua zia, appassionatissima d’Opera e sua immancabile
ombra, fin quando è vissuta. Comencini , rude vegliardo di Salò, la vide e la apostrofò
così: “ Bellissima! Sembra la Pampanini giovane ma non va bene per il cinema...ha il
naso troppo grosso!”. Io restai impietrito e imbarazzato...noi dell’Opera siamo magari un
pò più ipocriti ma meno diretti....e Lei subito di rimando: “Maestro....non si preoccupi: Le
auguro di trovare una Mimì con il naso più piccolo e con la voce più grande della mia!”.
Stupenda risposta. Da allora l’inizio di una amicizia che è durata fino all’orrenda notizia di
oggi ma che durerà per sempre.
Sento di dover aggiungere qualcosa ma soprattutto per dimostrare che questa grande
Artista non ci ha lasciati. I normali frequentatori dei Teatri non scorderanno, si spera, le
altezze sublimi del suo fraseggio, la tecnica irreprensibile, la bellezza e la nobiltà del
timbro, esibiti in un vastissimo repertorio che ha sorpreso per la vastità e l’eterogeneità
dei titoli. Io non dimenticherò, oltre a queste doti, la sua simpatia, la sua garbata e
pungente ironìa, la sua semplicità e la sua pragmaticità. Si impara tanto quando si ha a
che fare con i Grandi ma soprattutto si impara a essere umili. Non si dava mai arie (e sì
che Lei se lo sarebbe potuto permettere) , non sparlava mai con acredine, mai un insulto,
mai una volgarità, anche nelle occasioni peggiori sapeva destreggiarsi con l’eleganza
della pantera. Ricordo quando mi telefonò, irritata, per il trattamento ricevuto a Taormina
da uno spregevole personaggio che ivi organizza spettacoli indecenti soltanto per il
proprio tornaconto (e non ne mancano di questi tizi) , mi disse: “Sai...in questi casi inutile
urlare o dare da matti...basta salire sul primo aereo e andarsene, prima che succeda di
peggio durante le recite o dopo!”. Giusto Daniela, così dovrebbero fare tutti! Con Lei
ricordo solo risate e lacrime...Lachen und Weinen, come indica uno dei più bei Lieder di
Schubert: risate a non finire quando abbandonò una party a New York dopo essere
appena entrata, accolta dalla padrona di casa ubriaca fradicia...”Grazie, OK, bye
bye..thank you!....” ...e richiuse la porta, dopo essersi appena affacciata. Risate durante
l’Aida a Zurigo diretta da Harnoncourt, con una regìa ridicola e una acconciatura “rasta”
grottesca: quando mi vide in prima fila scoppiò a ridere e quasi non riuscì più a cantare il
concertato del secondo atto. Pianti di commozione quando accarezzava il bambino di
Butterfly durante le prove...come non ho mai visto fare a nessuno.I suoi pianissimi, la
dolcezza del suo legato; il Suo carattere...che quando meno te lo aspettavi esplodeva in
dure prese di posizione, sempre nel Giusto, come quando mise in riga Dradi che voleva
obbligarLa a cantare il Falstaff all’Opera di Roma (“Zeffirelli mi ha offesa...se ne trovasse
un’altra!” ) o quando disse chiaro e tondo a Celletti che non aveva imparato a cantare con
lui, in diretta radiofonica e con lui presente. Donna tutta d’un pezzo, carina e cortese sì
ma mai ipocrita e lecchina. E poi le chiacchierate...sempre costruttive, sempre creative,
sempre BELLE. Una volta a casa di Tito Schipa Junior, una serata interminabile con
Fabio e Lei... argomenti che si accavallavano ma sempre seguendo quel filo coerente
che accomuna le persone che parlano la stessa lingua.
Basta, mi accorgo che mi sto lasciando travolgere dai ricordi per non dover pensare al
presente e a questa notizia che rifiuto, che non accetto. Si può non accettare la morte di
una persona cara? Sì, si può, almeno questo. Volevi la Sua vita, Morte infame e ingiusta?
Te la sei presa ma non ti prenderai il lascito umano e artistico che questa breve vita ha
regalato al mondo. Non vali NIENTE Morte , perchè a nulla vale morire. Ciao Daniela,
non finisce qui.
 


Pagina 5 di 67