Andrea Bocelli ammette: "Ho cantato male per anni...Mio figlio ha più voce di me"
News
Sabato 30 Gennaio 2016 11:00
Un inedito Andrea Bocelli in vena di temerari "outing" al Teatro della Fortuna di Fano,dove ieri si è tenuto un importante dibattito allo stesso tempo lancio di Operastudio, una serie di DVD e CD concepiti come basi musicali per aiutare giovani studenti di canto nello studio di un'opera lirica. Non si tratta più delle ormai desuete basi per karaoke ma di un concreto è molto ben realizzato sostegno, con il maestro concertatore ( Marcello Rota) che oltre a dare tutti gli attacchi può addirittura suggerire con il labiale le parole del testo, grazie alle riprese in primo piano. Il direttore a disposizione,quindi, un' intera ottima orchestra sinfonica ( la OSR , Orchestra Sinfonica Rossini) e il Coro del Teatro della Fortuna di Fano. Oltre al DVD  anche un CD guida, con l'invasione completa dell'opera supportata da valenti professionisti ,tra cui sono da citare almeno il soprano Patrizia Orciani come Tosca, il basso Pertusi come Don Basilio nel Barbiere, il buffo Bruno Praticò nella parte di Don Bartolo e molti altri.         
                                  
 
Il dibattito proposto a Fano, svolto da personaggi illustri come Andrea Bocelli in veste di testimonial, Leone Magiera, il prof. Franco Fussi,l'agente Virginio Fedeli,il soprano Patrizia Orciani, il maestro Marcello Rota, oltre al sottoscritto, ha illustrato in ogni dettaglio questa iniziativa, assai utile per chi voglia imparare a seguire un maestro dal podio, ma si è sviluppato attraverso vari argomenti di attualità: l'uso e l'abuso dei microfoni per ampliare le voci, lo stato penoso di molte situazioni ai margini delle grandi fondazioni, lo studio corretto del Canto. Argomenti  da cui non si è sottratto il superospite Andrea Bocelli, pronto a fare precise ammissioni: " Ho cantato male per molti anni,senza esattamente sapere cosa fosse la tecnica", " Mio figlio ha più voce di me ...e non ci vuole molto", " Quando ho cantato con Pavarotti, durante le prove ho capito che stavo sbagliando tutto ...lui cantava con morbidezza e facilità ,io spingevo e cantavo di fibra"...Affermazioni che dimostrano una grande onestà intellettuale  da parte di un divo capace vendere 80 milioni di dischi e che gode di una fama planetaria.

Un inedito Andrea Bocelli in vena di temerari "outing" al Teatro della Fortuna di Fano,dove ieri si è tenuto un importante dibattito allo stesso tempo lancio di Operastudio, una serie di DVD e CD concepiti come basi musicali per aiutare giovani studenti di canto nello studio di un'opera lirica. Non si tratta più delle ormai desuete basi per karaoke ma di un concreto è molto ben realizzato sostegno, con il maestro concertatore ( Marcello Rota) che oltre a dare tutti gli attacchi può addirittura suggerire con il labiale le parole del testo, grazie alle riprese in primo piano. Il direttore a disposizione,quindi, un' intera ottima orchestra sinfonica ( la OSR , Orchestra Sinfonica Rossini) e il Coro del Teatro della Fortuna di Fano. Oltre al DVD  anche un CD guida, con l'invasione completa dell'opera supportata da valenti professionisti ,tra cui sono da citare almeno il soprano Patrizia Orciani come Tosca, il basso Pertusi come Don Basilio nel Barbiere, il buffo Bruno Praticò nella parte di Don Bartolo e molti altri. Il dibattito proposto a Fano, svolto da personaggi illustri come Andrea Bocelli in veste di testimonial, Leone Magiera, il prof. Franco Fussi,l'agente Virginio Fedeli,il soprano Patrizia Orciani, il maestro Marcello Rota, oltre al sottoscritto, ha illustrato in ogni dettaglio questa iniziativa, assai utile per chi voglia imparare a seguire un maestro dal podio, ma si è sviluppato attraverso vari argomenti di attualità: l'uso e l'abuso dei microfoni per ampliare le voci, lo stato penoso di molte situazioni ai margini delle grandi fondazioni, lo studio corretto del Canto. Argomenti  da cui non si è sottratto il superospite Andrea Bocelli, pronto a fare precise ammissioni: " Ho cantato male per molti anni,senza esattamente sapere cosa fosse la tecnica", " Mio figlio ha più voce di me ...e non ci vuole molto", " Quando ho cantato con Pavarotti, durante le prove ho capito che stavo sbagliando tutto ...lui cantava con morbidezza e facilità ,io spingevo e cantavo di fibra"...Affermazioni che dimostrano una grande onestà intellettuale  da parte di un divo capace vendere 80 milioni di dischi e che gode di una fama planetaria.           

                      image         

                       Andrea Bocelli intervistato da Enrico Stinchelli

 
A Roma una Cenerentola a metà
Recensioni
Domenica 24 Gennaio 2016 10:29

 

                                           cenerentola_dante1

 

Molto attesa la Cenerentola di Rossini all'Opera di Roma firmata da Emma Dante.Chi si

aspettava le provocazioni in stile Carmen\ Scala,che tanti dissensi suscitarono a loro

tempo, è stato fortemente deluso.Niente stramberìe,nessuna provocazione in linea con la

moda del " regìetheater", direi piuttosto una Cenerentola carina, delicatamente fiabesca,

semplice,a tratti persino timida. La scena di Carmine Maringola si limitava a una grande

parete bianca semovente,con grandi lampadari che ogni tanto pendevano dalla graticcia

e qualche ingombro d'arredamento.Lo spettacolo era per lo più realizzato dai bravi

ballerini,vestiti come automi a molla,che per tutta l'opera commentavano ogni scena con i

loro movimenti a scatti, simulando un gruppo di giocattoli un pò pazzi e imprevedibili. I

cantanti potevano così esibirsi in tutta tranquillità,seguendo posizioni e movimenti

tradizionalissimi,senza particolari imprese ginniche. Belli i  costumi di Vanessa Sannino e

delicate le luci di Cristian Zucaro.    

 

                                                    cenerentola__2                        

                                                                                     

                                   Luci e ombre per il cast vocale. Non bene la coppia degli amorosi:

la Cenerentola ,pur avvenente, di Serena Malfi presentava troppe lacune tecniche nel

registro alto, tanto da pregiudicare gravemente la scena finale e così pure il Ramiro di

Francisco Gatell, tanto garbato e morbido nel registro centrale quanto incerto e tirato sui

do acuti della sua grande aria, conclusa con troppa fatica. Bene il Dandini di Vito

Priante,molto sicuro , e salvato dalla sola esperienza il Magnifico di Alessandro Corbelli,

che ricordavo con più voce.In ogni caso non è esattamente un basso buffo,come Don

Magnifico dovrebbe essere,bensì un baritono piuttosto brillante e la tessitura gli ha

nuociuto soprattutto quando era necessario sovrastare il suono proveniente dalla

buca.Notevole,tuttavia,la sua prova attori alle. Ottime le sorellastre,Damiana Mizzi e

Annunziata Vestri  e in difficoltà l'Alidoro di Ugo Guagliardo,con seri problemi di note

ingolfate e dure sugli acuti.                

 

 Sul podio il giovane maestro Alejo Pérez, che   aveva piglio e verve,ma che in alcuni

punti non ha trovato un suono ugualmente brillante  e brioso come questo capolavoro

richiede. L'orchestra ha suonato bene e il Coro è stato  molto preciso nei suoi interventi.

Successo di pubblico,equamente distribuito  tra gli  interpreti.

 

image 



 

 
A PIACENZA UN NABUCCO CON I CONTROFIOCCHI
Recensioni
Martedì 29 Dicembre 2015 16:56
nabucco_piacenza__applausi

 

Gli ingredienti sono semplici: un grandissimo protagonista, ancor oggi sulla breccia dopo  oltre  mezzo secolo di carriera  (Leo Nucci), un  astro ormai  emerso (Anna Pirozzi) nella  parte  micidiale  di  Abigaille, un  gruppo di  giovani  entusiasti e  motivati a  offrire  il massimo, uno spettacolo  collaudato e  funzionale alle esigenze  di  tutti, una  direzione  d'orchestra  (Aldo Sisillo)   con le  idee  ben  chiare riguardo  i  tempi da  staccare, le dinamiche  , l'equilibrio da  assicurare  tra  buca  e palcoscenico. Cosa ne  risulta?  Semplicemente uno strepitoso  Nabucco, di  quelli che riportano indetro nel  tempo, quando  era  il TEATRO  a  farla  da  padrone, o meglio  il  "senso  del Teatro"  che  è  qualcosa  di  diverso e  di prezioso, da  difendere.

Il Nabucco messo in scena  domenica scorsa e  che verrà  replicato  stasera al Municipale di Piacenza  veleggia verso  il suo  trionfo, con il  pubblico  proteso dai palchi ad applaudire, in un clima festoso e  mi è parso addirittura  liberatorio. Si sa  come  in Emilia  Romagna  la  passione  operistica  non sia  affatto sopita, per fortuna: si respira  ancora  quell'aria  permeata  di sano  loggionismo, con la presenza  dei Clubs, di personaggi  anche  pittoreschi  ma che costituiscono lo zoccolo duro  di una passione  che  molti  vorrebbero   posta  sotto  formalina, e  che  non troviamo  più  in molti  conclamati  "templi". Per loro, come  per  tutti, è  stata  una  grande  festa, con continui applausi a  scena  aperta  e  un autentico trionfo al termine  e  il merito va  al  lavoro  tenace, serio  e  costante  del  direttore artistico, Cristina  Ferrari, che ha  saputo mettere assieme  gli ingredienti  'giusti'  di  cui parlavo all'inizio.

Un Teatro  senza  un solo euro di  deficit e  che  il Ministero  non premia, inspiegabilmente, forse manovrato  da  altre  cabale  che spostano  gli emolumenti  verso la  costiera  ravennate o  inopinatamente  procede a  tagliare, pensando  di risolvere così  le  magagne  amministrative   prodotte  da  altri.

 

nabucco_piacenza_pirozzi_nucci

Sperando  che  questo andazzo cambi e  al  più  presto, godiamoci  questo Nabucco e  i fuochi d'artificio  musicali : in primis  i luminosi acuti della  coppia  Nucci- Pirozzi, coinvolti in una gara di bravura. “Ho fatto semplicemente Nabucco” dice in sintesi Leo Nucci al termine della sua recita. Il fatto è, come tutti sanno, che è proprio quella benedetta “semplicità” a essere tremendamente difficile da raggiungere: frutto d'un equilibrio sottile fatto di esperienza, tecnica, buona salute e soprattuttio uno smisurato amore per l'Opera, e questo non te lo insegna nessuno....devi averlo di tuo. Nucci ha oggi un colore e uno spessore nella voce che non aveva da giovane, avendo però mantenuto la spavalda sicurezza e lo smalto degli acuti, la sua arma vincente. Impressionanti l'entrata, il duetto con Abigaille, la cabaletta del IV atto coronata da un la bemolle “bomba” che forse farà storcere il naso ai maniaci del segno scritto ma che sarebbero piaciuti assai a Verdi, che non apponeva le puntature acute in partitura ben sapendo che non tutti sarebbero stati in grado di eseguirli. Di Nucci è ancora da apprezzare la dizione scolpita e l'uso degli accenti, sempre appropriatissimi , l'uso della cosiddetta “parola scenica” tanto invocata dal genio bussetano. Rispetto al famoso Nabucco all'Opera di Roma, diretto dal maestro Muti, abbiamo per fortuna notato la quasi totale eliminazione di quegli eccessi (anche comici) nella recitazione nel III e IV atto, quando Nabucco è indebolito dal folgore divino: Nucci lo pensa un po' come gli anziani all'ospizio, ne abbiamo anche parlato nel dopo-Teatro, ma a mio parere Nabucco più che sembrare afflitto da demenza senile è soprattutto turbato, depresso, sconvolto, ma resta - a mio parere- la grande dignità del personaggio, protagonista dell'opera.

 

nabucco_piacenza_pirozzi

Anna Pirozzi si è dimostrata una Abigaille straordinaria poiché, intelligentemente, non ne ha soffocato l'intimo lirismo e soprattutto la matrice belcantistica. Ho letto qua e là di “nuova Dimitrova” : il paragone non mi sembra azzeccato. Parlerei piuttosto di “nuova Cerquetti”. La Dimitrova aveva una voce di metallo tagliente e di gigantesco volume, ma negli ultimi anni soffriva un po' nel do acutissimo: la Pirozzi ha un fondo lirico, non abusa in suoni di petto , non allarga mai il suono ma lo raccoglie, gioca sul contrasto continuo di “forte” e “piano” , anche pianissimo (l'aria del II atto è stata un cesello, da questo punto di vista), svetta agli acuti con sicurezza partendo da un attacco alto e mai aiutandosi con pericolosissime contrazioni di gola, tutto è sotto il controllo del fiato che sa usare con assoluta maestrìa. L'attrice è intensa, ogni gesto è giusto, ogni sguardo è pertinente al momento drammatico: meritatissimo il trionfo personale.

nabucco_piacenza2

Una lode particolare al resto del cast, dominato da un sicurissimo Mattìa Denti come Zaccaria, molto solido nel registro acuto ma non da meno nelle difficili discese alla zona grave, soprattutto nella Preghiera e nel finale del III atto. Ismaele era il tenore Leonardo Gramegna, che ha dalla sua una voce sonora e molto giocata sulla dizione scolpita: la sua è stata una prestazione in crescendo. Non benissimo invece la Fenena di Elisa Barbero, un po' troppo emozionata e non stabile nell'emissione soprattutto nella difficile cadenza della sua aria. Il basso Paolo Battaglia come Sacerdote di Belo di lusso ha assicurato una bella resa al suo personaggio, così come Roberto Carli nel ruolo di Abdallo e Alice Molinari nella parte molto acuta di Anna.

nabucco_piacenza3

Tutto poggiava sulle solide ed esperte spalle del maestro Aldo Sisillo, che ha mantenuto un ritmo incalzante ma mai soverchiando la linea vocale: il Nabucco così volava via in un batter d'occhio, senza cadute o sacche di noia, come spesso avviene per esempio con la Marcia funebre che accompagna Fenena, staccata in quattro e talvolta persino tagliata. L'imprinting del concertatore si capiva fin dalla Sinfonia, brillante e vigorosa, e chi ben comincia...è a metà dell'Opera. Ottima la compagine piacentina: Orchestra dell'Opera Italiana e due cori per l'occasione, del Teatro Municipale di Piacenza e della Fondazione Teatro Comunale di Modena, che hanno raccolto il loro personale successo dopo il “Va pensiero”. Dalla mia postazione privilegiata nel palco di barcaccia ho potuto apprezzare i contributi della sezione ottoni, percussioni, l'ottima arpa ,perfetta negli “Arredi festivi”, gli assoli del flauto, i violoncelli e soprattutto la formidabile signora bionda che assume il ruolo di konzertmeister, una vera furia che trascinava tutti gli archi con sé (mi dispiace non poterla nominare ma il programma di sala non ne riportava il nome).

Dello spettacolo, con regìa e scene di Stefano Monti, con sculture di Vincenzo Balena e costumi di Massimo Carlotto, non si può che tesserne le lodi: asciutto, funzionale, pragmatico, rispettoso della drammaturgìa ma al tempo stesso suggestivo, con un impiego delle masse a tutto tondo.

Successo incondizionato e meritato per tutti.

 

nabucco_piacenza__pirozzi_rega
 
Altri canti di Marte, il nuovo libro di Paolo Isotta
Recensioni
Sabato 26 Dicembre 2015 12:19

                                                Isotta_altri_canti_di_Marte

 

Tra i tanti doni fatui che riempiono in questi giorni le nostre case varrà la pena di porre in

evidenza una strenna natalizia con cui ognuno farà bellissima figura: “Altri canti di Marte

della Marsilio, il nuovo libro di Paolo Isotta.

  Si tratta di una fondamentale prosecuzione e integrazione al tempo stesso de “La virtù

dell'elefante” , in cui Isotta -come avevamo scritto e detto- si era confermato il colto e

sagace cronista di una Napoli a pochi riservata e da pochissimi conosciuta, ma anche

 fine musicologo ,attento a descrivere una genìa varia e variopinta, popolata da miti

assoluti e da invereconde schiappe, le seconde- spesso e volentieri- più acclamate e più

popolari. 

 

 

Isotta racconta, svela e rivela, descrive, smaschera in taluni casi, si indigna e si

commuove e lo fa con tale profonda competenza da trascinarci con sé in un sorprendente

vortice, di fatto costringendoci a scoprire assieme a lui fatti , persone e musiche di cui

non si sospettava nemmeno l'esistenza o sulle quali non ci eravamo mai soffermati con

attenzione.

 

Il libro non annoia mai perchè dal nucleo infuocato costituito dalla materia prediletta, la

Grande Musica (non uso il termine Musica Seria per non avviare inutili polemiche su cosa

sia “serio” e cosa “faceto”) l'Autore riesce a diramare una fitta rete di aneddoti, postille,

riferimenti, intuizioni, ampliando la gamma degli argomenti e non escludendone nessuno,

compresa l'attualità più spiccia. E' un libro, come già scrissi, che va letto e riletto,

esattamente come il Parsifal di Wagner, che va ascoltato e riascoltato prima di poter

essere, non dico capito, ma almeno “intuito”. Ed è poprio al Parsifal che Isotta dedica una

formidabile disamina, l'opera con la quale Wagner si congedò dal mondo e fece pace con

il mondo. E' un percorso davvero straordinario quello offerto dalle pagine che Isotta

dedica a questo monumentum musicale e da sole valgono tutto il volume. Isotta aiuta a

capire le origini del dramma ma soprattutto la fitta trama musicale collegata alla trama: è

come se un maestro concertatore, invece di limitarsi a molinare le braccia e dare gli

attacchi all'orchestra, parlasse ad alta voce raccontando la partitura via via a un pubblico

avvertito ma non necessariamente competente:ed ecco che molti dettagli tecnici si

svelano da soli. Una guida essenziale e preziosa, tra le migliori mai offerte dalla

musicologìa.

 

Negli ”Altri canti di Marte” troviamo tante gemme inusitate e moltissime rivalutazioni che

invitano tutti noi a riflettere seriamente sul concetto di “Popolare” e di autenticamente

“Grande”, che sono -come si sa- cose totalmente diverse tra loro. Isotta è un provocatore

sì, ma di ALTI sentimenti: si può benissimo non concordare su alcuni giudizi e su alcune

sperticate lodi, ma non si può non scorgere la luce in ogni palinodìa anche la più inattesa.

 

                                            Gino_Marinuzzi

 

Così riscoprire un grandissimo maestro concertatore come Gino Marinuzzi, le musiche di

Casella, la grande scuola russa dell'Ottocento e del Novecento, Karl Boehm, Franco

Alfano e Ottorino Respighi, conoscere giovani pianisti come Francesco Libetta e capire

che sono meravigliosi musicisti ben superiori a tanti incredibili bluff (pensiamo a Lang

Lang, definito giustamente “pagliaccesco” da Isotta) , inflitti a noi dal sistema

pubblicitario....tutto ciò non può che ascriversi tra i meriti più alti dei libri di Isotta, destinati

a essere venduti e letti da un grande pubblico e non soltanto dai monomaniaci.

 

                                Franco_Alfano_con_il_suo_cane_e_i_due_gatti_siamesi

                                                                    Franco  Alfano con i suoi cani

 

  Da pag.103 a pag.107 il capitolo più sorprendente , dal significativo titolo “Il tradimento   

di Muti”. Ognun sa che Paolo Isotta fu di Muti amico e sostenitore fin dagli esordi,

condividendo entrambi la grande scuola pianistica del Maestro Vincenzo Vitale a Napoli.

Isotta fu anche una sorta di confidente, per non dire “fratello spirituale” di Muti:

innumerevoli saranno stati i consigli prima di un impegno molto sentito, prima di una

scelta artistica o immediatamente dopo un evento, tra i mille a Firenze, alla Scala, a

Roma, a Chicago. Ricordo personalmente Paolo Isotta sporgersi dal palco di proscenio

della direzione artistica all'Opera di Roma, fissando il maestro Muti per tutta la durata

dell'opera, seguendo amorevolmente ogni gesto, come si fa con chi si ammira in tutta

sincerità e senza alcun dubbio in merito. Cosa è avvenuto ? Perchè questa amicizia si è

interrotta ?

 

                       Muti_famiglia

 

Lo spiega  in tre fitte pagine: dopo la rottura con l'Opera di Roma, Muti

non interpella né Alessio Vlad (direttore artistico) né Paolo Isotta....” Il non aver Muti

pensato di avvisarci (io ne avevo titolo nella mia qualità si a di, m'illudevo, amico del

cuore sia in quella dell'unico critico musicale che a Muti desse atto del lavoro al Teatro

dell'Opera svolto) significa che per lui io e Alessio siamo pula di grano, niente.” E

prosegue inesorabile: “ A Roma la presenza di Alessio Vlad impediva alla signora Cristina

(n.d.r. moglie del celebre direttore d'orchestra) di spadroneggiare in teatro come faceva

alla Scala, ove addirittura interloquiva cogli orchestrali dettando loro norme di

comportamento, decideva la composizione di compagnìe di canto e partecipava alle

prove al pianoforte dando direttive ai cantanti. Il più grande direttore vivente è stato per

me uno dei più cari fra gli amici del cuore : certe cose non possono cancellarsi; ma lo è

stato. Egli dirige Opere con le regìe della moglie e della figlia ( la quale ha tuttavia

talento) . La figlia fa la voce recitante in cose da lui dirette. Accompagna in

concerto sinfonico il genero pianista: i due figli maschi gestiscono la sua attività e

la sua immagine artistica in un modo che suscita la gioia dei nemici e l'ilarità di

tutti...”. Parole nette, dure, pesanti cui si aggiungono aspri rimproveri per non aver

minimamente considerato la musica di Marinuzzi per i suoi programmi concertistici, per

non aver mai incluso Alfano, per non aver mai invitato a Chicago alcuni grandi interpreti

italiani , tra cui Libetta, Nicolosi, Caramiello, Carusi, Bresciani...ma come?? : “Si riempie

la bocca della parola Italianità : a differenza di quel che non facesse Abbado, le tasse le

paga in Italia: e poi?”.


 


Pagina 9 di 99